Circolare n.19-2024 FISCALE- Decreto Salva Conti

Il DL 29 marzo 2024 n. 39 è stato convertito in legge: viene rafforzata la stretta sui bonus fiscali edilizi, eliminando la possibilità di effettuare la possibilità di effettuare la cessione dei crediti (art. 121 DL 34/2020) delle rate residue di detrazioni non ancora fruite in dichiarazione dei redditi.

Dal 29 maggio 2024 non risulta più possibile iniziare ad utilizzare i bonus in dichiarazione e cedere negli anni successivi le rate che non si intendono più riportare in detrazione. Inoltre, le spese sostenute nel 2024 che danno diritto al Superbonus, come pure le spese per fruire del bonus barriere architettoniche, del sisma bonus e del sisma bonus acquisti, dovranno essere detratte nell’arco di 10 anni. Tuttavia, l’obbligo di ripartizione in 10 anni non riguarda l’utilizzo dei crediti d’imposta derivanti da cessione o da sconto in fattura, che continueranno, quindi, ad essere utilizzati in 4 o 5 quote annuali.

Dal 01 gennaio 2025 è previsto anche il divieto per banche ed istituti finanziari di compensare i crediti del Superbonus con i debiti INPS e INAIL.

 

fonte: NT + Fisco

Circolare n.18-2024 LAVORO- Decreto ‘Coesione’ n.60-2024

La presente Circolare esamina le principali novità contenute nel DL 7.5.2024 n. 60 (c.d. DL “Coesione”).
In particolare, vengono analizzati:
– l’estensione agli investimenti nelle Zone logistiche semplificate (ZLS) del credito d’imposta previsto per gli investimenti nella Zona economica speciale (ZES) unica per il Mezzogiorno;
– gli incentivi finalizzati all’avvio di un’attività imprenditoriale o di lavoro autonomo, denominati “Autoimpiego Centro-Nord Italia” e “Resto al Sud 2.0”;
– gli incentivi per l’avvio di un’attività imprenditoriale nei settori strategici per lo sviluppo di nuove tecnologie e la transizione digitale ed ecologica;
– l’esonero contributivo per le assunzioni nella ZES unica per il Mezzogiorno;
– l’esonero contributivo per le assunzioni di under 35 (c.d. “bonus giovani”);
– l’esonero contributivo per le assunzioni di donne svantaggiate (c.d. “bonus donne”).

Segue circolare completa:

Circolare n.18-2024 LAVORO- Decreto ‘Coesione’ n.60-2024

Circolare n.17-2024 LAVORO- Decreto ‘PNRR’ n. 19-2024 – Le principali novità

La presente Circolare esamina le principali novità in materia di lavoro contenute nel DL 2.3.2024 n. 19 (c.d. decreto “PNRR”), come modificato in sede di conversione nella L. 29.4.2024 n. 56. In particolare, vengono analizzate le novità riguardanti: – la fruizione dei benefici normativi e contributivi in materia di lavoro e previdenza sociale; – la tutela dei lavoratori impiegati in appalti e subappalti; – l’introduzione della “patente a punti” per operare nei cantieri temporanei o mobili; – la verifica della congruità della manodopera in edilizia; – la previsione di una “Lista di conformità INL” per i datori di lavoro “virtuosi”; – il regime sanzionatorio del “lavoro nero” e per la somministrazione di manodopera; – la revisione delle sanzioni civili per omissione o evasione contributiva; – la comunicazione di dati da parte dell’INPS ai fini della regolarizzazione degli obblighi contributivi; – il potenziamento dei poteri di accertamento d’ufficio da parte dell’INPS; – la modifica del regime delle prestazioni occasionali in agricoltura; – la previsione di un incentivo all’assunzione a tempo indeterminato di lavoratori domestici. Segue circolare completa: Circolare n.17-2024 LAVORO- Decreto ‘PNRR’ n. 19-2024 – Le principali novità

Circolare n.16-2024 FISCALE -Crediti d’imposta per investimenti 4.0 e per ricerca e sviluppo – Nuovi obblighi e sospensione delle compensazioni

La presente Circolare esamina la ris. Agenzia delle Entrate 12.4.2024 n. 19, con la quale è stata sospesa la possibilità di utilizzare in compensazione nel modello F24 i crediti d’imposta per investimenti 4.0 e per ricerca e sviluppo, in attesa che vengano definite le modalità attuative per effettuare le comunicazioni al Ministero delle Imprese e del made in Italy, introdotte dall’art. 6 del DL 29.3.2024 n. 39.
In particolare, vengono analizzati gli aspetti riguardanti:
– le agevolazioni interessate;
– le comunicazioni che dovranno essere effettuate;
– i crediti d’imposta che rientrano nella sospensione del loro utilizzo in compensazione nel modello F24.

Segue circolare completa:

Circolare n.16-2024 FISCALE -Crediti d’imposta per investimenti 4.0 e per ricerca e sviluppo – Nuovi obblighi e sospensione delle compensazioni

Circolare n.15-2024 FISCALE – Adempimenti per adeguati assetti organizzativi

La riforma della crisi d’impresa (D.Lgs. n. 14/2019, entrato in vigore formalmente il 15/07/2022) ha introdotto una serie di misure volte a sensibilizzare gli imprenditori individuali e gli organi di amministrazione e di controllo delle società, obbligandoli ad attuare procedure codificate per la rilevazione tempestiva della crisi d’impresa. Il Codice prevede, sempre a carico degli amministratori, anche l’obbligo di mantenere adeguati assetti organizzativi, valutandone l’adeguatezza almeno ogni sei mesi. 

 

Segue circolare completa:

Circolare n.15-2024 FISCALE – Adempimenti per adeguati assetti organizzativi

Circolare n.14-2024 FISCALE – DL Agevolazioni Fiscali n. 39 del 29-03-2024

La presente Circolare esamina le novità introdotte dal DL 29.3.2024 n. 39 in materia di crediti d’imposta per bonus “edilizi” e altre agevolazioni fiscali.
In particolare, vengono analizzati:
– l’estensione del “blocco” delle opzioni per la cessione del credito relativo alla detrazione spettante o per il c.d. “sconto sul corrispettivo”;
– la preclusione alla “remissione in bonis” in relazione alle comunicazioni di opzione per interventi “edilizi”, che dovevano essere effettuate entro il 4.4.2024;
– l’introduzione dell’obbligo di comunicare l’ammontare delle spese sostenute nel 2024 e nel 2025 relative agli interventi di riduzione del rischio sismico o di riqualificazione energetica agevolati con il superbonus;
– il divieto di compensazione dei crediti d’imposta per bonus “edilizi” in presenza di ruoli scaduti superiori a 10.000,00 euro;
– le limitazioni alla cessione dei crediti d’imposta relativi alla c.d. “super ACE”;
– l’introduzione di una comunicazione preventiva ai fini dell’utilizzo in compensazione nel modello F24 del credito d’imposta per investimenti in beni 4.0;
– la riapertura dei termini per aderire al ravvedimento operoso speciale;
– le modifiche al divieto di compensazione in presenza di ruoli scaduti superiori a 100.000,00 euro, applicabile dall’1.7.2024;
– la decorrenza del nuovo contraddittorio preventivo.

Segue circolare completa:

Circolare n.14-2024 FISCALE – DL Agevolazioni Fiscali n. 39 del 29-03-2024

Circolare n.13-2024 FISCALE – Il concordato preventivo biennale

La presente Circolare esamina la disciplina del nuovo concordato preventivo biennale, contenuta negli artt. 6 – 39 del DLgs. 12.2.2024 n. 13.
In particolare, vengono analizzati gli aspetti riguardanti:
– i soggetti che possono accedere al concordato preventivo;
– i requisiti per accedere al concordato preventivo;
– le cause di esclusione dal concordato preventivo;
– la determinazione del reddito concordato;
– la procedura di accesso al concordato preventivo;
– gli effetti del concordato preventivo;
– la determinazione degli acconti;
– la cessazione del concordato preventivo;
– la decadenza dal concordato preventivo.

Segue circolare completa:

Circolare n.13-2024 FISCALE – Il concordato preventivo biennale

Circolare n.12-2024 FISCALE – Applicazione della ritenuta d’acconto sulle provvigioni percepite dagli assicuratori

Viene analizzata l’abolizione dell’esclusione dall’applicazione della ritenuta d’acconto con riferimento alle provvigioni percepite dagli agenti di assicurazione per le prestazioni rese direttamente alle imprese di assicurazione e dai mediatori di assicurazione,

 

Segue circolare completa:

Circolare n.12-2024 FISCALE – Applicazione della ritenuta d’acconto sulle provvigioni percepite dagli assicuratori

Circolare n.10-2024 FISCALE – Credito d’imposta per investimenti 5.0

L’art. 38 del DL 2.3.2024 n. 19 (c.d. DL “PNRR”), pubblicato sulla G.U. 2.3.2024 n. 52, ha introdotto un nuovo credito d’imposta per gli investimenti effettuati nel 2024 e 2025 relativi al piano transizione 5.0. Possono accedere all’agevolazione le imprese residenti in Italia che effettuano investimenti nel biennio 2024 – 2025, in strutture ubicate nel territorio, in beni materiali e immateriali con lo scopo di ridurre i consumi energetici.

 

Segue circolare completa:

Circolare n.10-2024 FISCALE – Credito d’imposta per investimenti 5.0